Clamorosa iniziativa dei tifosi: invaso il centro sportivo

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:37
0

L’affare Superlega ha fatto perdere la testa ai tifosi, la clamorosa protesta ha portato all’invasione del centro sportivo, vediamo cosa è accaduto.

Superlega
La Superlega è già naufragata

Il progetto Superlega è fallito, ma i tifosi non dimenticano. I due giorni di terremoto del calcio europeo lasciano strascichi soprattutto tra chi credeva di poter creare una nuova competizione elitaria senza nessun ostacolo. Così i fans si ribellano e lo hanno fatto, in Inghilterra, fin dal momento dell’annuncio. Prima le parole con comunicati stampa e messaggi che hanno invaso i social, poi le proteste per strada, davanti ad Anfield a Liverpool, e in strada a Londra, i supporters del Chelsea.

La clamorosa iniziativa dei tifosi del Manchester United

Oggi è toccato ai tifosi del Manchester United far sentire la propria voce e lo hanno fatto in maniera clamorosa. I fans dei Red Devils si sono assiepati davanti al centro sportivo della squadra per bloccare i giocatori in arrivo per la sessione di allenamento in programma alle 10, e alcuni sembra che siano anche entrati in campo per impedire il regolare svolgimento della seduta. Una protesta che comunque è stata pacifica con alcuni striscioni anche forti come quello con scritto “decidiamo noi quando giocate”.

LEGGI ANCHE: Superlega, la presa di posizione dei calciatori dell’Atletico

Nessuna violenza però, solo una macchina della polizia è stata impegnata per guardare da vicino la situazione. I tifosi chiedono le dimissioni di Glazer, copresidente del Manchester United che ieri aveva chiesto pubblicamente scusa per aver aderito al progetto della Superlega. Scuse che evidentemente non sono bastate. Alla fine a risolvere la situazione sono stati tre ex giocatori, Carrcick, Matic e Fletcher che attualmente lavorano nelle giovanili della squadra di Manchester.

LEGGI ANCHE: Superlega, Gravina parla delle italiane “ribelli”

Dopo le dimissioni del CEO Woodward, quindi a Manchester chiedono un ribaltone totale in società che al momento comunque non sembra essere nelle idee dei massimi dirigenti. Nel frattempo la squadra lavora per la prossima gara di Premier League che vedrà Pogba e compagni affrontare il Leeds United, capace in settimana di fermare il Liverpool sull’1-1. Gara importante perché con un successo i Red Devils blinderebbero quasi definitivamente il secondo posto alle spalle dei “cugini” del City.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here