Brescia-SPAL 3-1, cronaca della partita: astuzia Jagiello, sicurezza Bjarnason

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:56
0

La gara di Serie B fra Brescia e SPAL vede l’ottimo movimento di Bjarnason sulla fascia destra, supportato da un ispirato Martella. La squadra ospite prova ad arginare le verticalizzazioni dell’avversario spostando il palleggio sulla fascia sinistra con Mora a Sernicola, ma il reparto offensivo sembra isolato.

"Partita

Brescia-SPAL 3-1 | Cronaca della partita

>Primo tempo 1-0: innesco Martella, Bjarnason comanda a destra

Mentre i padroni di casa giocano soprattutto sulle verticalizzazioni e sulla fascia destra grazie al buon movimento di Bjarnason, la squadra ospite sembra disporsi su un 4-4-2 preferendo il gioco di manovra. Gli Estensi soffrono l’avversario sul gioco aereo, ed è proprio Bjarnason a trovare la rete dell’1-0 di testa dalla breve distanza.

Dickmann prova subito a ristabilire il pari sparando un missile di trenta metri, ma gli spallini faticano a trovare gli spazi. Negli ultimi minuti, è la coppia Sernicola-Mora ad offrire degli spunti interessanti dalla fascia destra. Il reparto offensivo Estense sembra isolato e forse non adeguatamente sostenuto dai compagni di squadra.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Brescia Calcio BSFC (@brescia_calcio)

>Secondo tempo 3-1: Strefezza risponde subito ad Ayé

Ad inizio secondo tempo la SPAL dà indicazione di aver capito di dover prendere delle contromisure su Bjarnason ed il suo movimento sulla fascia destra. Esce infatti Dickmann ed entra Sala. Al 51′ Ndoj è l’autore del perfetto filtrante per Ayé, che non riesce a battere Berisha. Subito dopo, c’è un cambio di fronte, con la conclusione di forza di Strefezza.

La partita si surriscalda quando, al 63′, Berisha respinge bene l’iniziativa di Segre. Sulla ribattuta di Ayé, però, la porta è scoperta ed il Brescia passa in vantaggio 2-0. C’è un nuovo scatto di orgoglio degli spallini, che con un bellissimo tiro a giro di Strefezza che mira all’incrocio dei pali riaprono la partita segnando due minuti dopo il 2-1.

A quasi dieci minuti dalla fine dell’incontro arriva la rete del 3-1 del Brescia ad opera di Jagiello, entrato al 69′ al posto di Ndoj. Dopo il cross basso dalla destra di Mateju, il trequartista controlla e tira in porta, dove Berisha non può arrivare.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Brescia Calcio BSFC (@brescia_calcio)

Brescia-SPAL 3-1 | Tabellino | Classifica

Ecco il tabellino della gara, completo di ammonizioni e cambi:

BRESCIA-SPAL 3-1: 27′ Bjarnason (B), 63′ Ayé (B), Strefezza (S), 79′ Jagiello (B).

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Cistana, de Looi, Mateju, Martella (77′ Pajac); Bisoli, Ndoj (69′ Jajello), Mangraviti; Bjarnason; Ayé (80′ Labojko), Ragusa (69′ A.Donnarumma). All.: Clotet.
A disposizione: Andrenacci, Karacic, Papetti, Semprini.

SPAL (3-5-2): Berisha; Tomovic, Okoli, Segre (83′ Asencio), Ranieri; Dickmann (46′ Sala), Sa.Esposito, Murgia (60′ Di Francesco), Sernicola (83′ Spaltro); Strefezza, Paloschi (60′ Floccari). All.: Rastelli.
A disposizione: Attys, Gomis, Missiroli, Ranieri, Thiam.

ARBITRO: Luca Massimi di Termoli.

AMMONITI: 19′ Bjarnason (B), 61′ Segre (S).

Questa è la classifica di Serie B aggiornata:

 

Brescia-SPAL | Formazioni ufficiali

In entrambe le formazioni, la difesa è stata rimaneggiata. Nonostante Rastelli abbia dichiarato in conferenza stampa la sua fedeltà al 4-3-3, scenderà in campo con un 3-5-2. Clotet, invece, ha spostato Cistana sulla fascia, facendo anche arretrare de Looi sulla linea dei difensori.

Ecco le formazioni ufficiali della partita:

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Cistana, de Looi, Mateju, Martella; Bisoli, Ndoj, Mangraviti; Bjarnason; Ayé, Ragusa. All.: Clotet.
A disposizione: Andrenacci, A.Donnarumma, Jajello, Karacic, Labojko, Pajac, Papetti, Semprini.

SPAL (3-5-2): Berisha; Tomovic, Okoli, Segre, Ranieri; Dickmann, Sa.Esposito, Murgia,  Sernicola; Strefezza, Paloschi. All.: Rastelli.
A disposizione: Asencio, Attys, Di Francesco, Floccari, Gomis, Missiroli, Ranieri, Sala, Spaltro, Thiam.

Brescia-SPAL | Probabili formazioni

Entrambe le squadre arrivano all’incontro dopo le due settimane di stop, in cui gli allenatori hanno raccontato di aver sperimentato qualche nuova tattica. Rimane comunque probabile che le due squadre giochino a specchio con un 4-3-1-2. C’è interesse per il probabile debutto in prima squadra di Attys della squadra ospite.

Questi sono i probabili titolari della gara del primo maggio:

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Mateju, Cistana, Papetti, Martella; Bisoli, Van de Looi, Jagiello; Bjarnason; Ayé, Donnarumma. All.: Clotet.

SPAL (4-3-1-2): Berisha; Sernicola, Okoli, Tomovic, Ranieri; Murgia, Sa.Esposito, Mora; Strefezza; Di Francesco, Floccari. All.: Rastelli.

Brescia-SPAL | Convocati

Ecco i convocati di Clotet per la gara:

Portieri: Berisha, Gomis, Thiam.

Difensori: Okoli, Ranieri, Spaltro, Tomovic.

Centrocampisti: Attys, Dickmann, Esposito, Missiroli, Mora, Murgia, Sala, Segre, Sernicola, Strefezza.

Attaccanti: Asencio, Di Francesco, Floccari, Paloschi

Questi sono invece i convocati di Rastelli:

Brescia-SPAL | Precedenti e curiosità

Nella precedete giornata di campionato di Serie B, la trentaquattresima, entrambe le squadre hanno portato a casa una brutta sconfitta. Il Brescia, infatti, ha perso 4-2 con l’Empoli, mentre la SPAL si è fatta rimontare con un risultato finale di 1-2 per l’Ascoli. Mentre la Leonessa è in zona playoff, agli Estensi mancano 5 punti per entrarci.

La gara fra le due retrocesse dalla Serie A nel campionato 2019/20, può quindi essere considerata a tutti gli effetti uno scontro diretto ai fini dei playoff di Serie B. Ai padroni di casa servirà vincere per mantenere la classifica, mentre la squadra ospite, costruita per il ritorno nella massima lega italiana, non può permettersi di perdere.


Leggi anche:

Guardando agli ultimi 5 incroci in Serie A e Serie B, le statistiche raccontano che il risultato più probabile è la vittoria del Brescia (60%), seguito dalla vittoria della SPAL (40%). Dal 2016 le due squadre non hanno mai pareggiato. C’è sempre stato almeno un gol per formazione, tranne nel 2019, quando la rete di Balotelli decretò la vittoria della Leonessa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here