Atalanta, l’esplosione dell’indispensabile Malinosvkyi: ecco i dati

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:21
0

Dopo una prestazione super con la Nazionale ucraina, Malinovskyi è stato il protagonista anche con l’Atalanta nella partita contro l’Udinese del 3 aprile. Ecco perchè potrebbe diventare uno dei giocatori chiave dei nerazzurri.

Atalanta, da sinistra: Ruslan Malinovskyi, Mario Pasalic e Duvan Zapata festeggiano la rete al Brescia. Serie A, 14 luglio 2020 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images).
Atalanta, da sinistra: Ruslan Malinovskyi, Mario Pasalic e Duvan Zapata festeggiano la rete al Brescia. Serie A, 14 luglio 2020 (foto di Emilio Andreoli/Getty Images).

Il tecnico Gian Piero Gasperini è stato il primo a capire l’ottimo momento di Ruslan Malinovskyi e a puntare su di lui. Lo ha schierato come titolare nella partita Real Madrid-Atalanta, dove i nerazzurri si sono giocati il loro posto in Europa. In conferenza stampa, l’allenatore ha anche esaltato il suo momento con la Nazionale ucraina.

Nazionale ucraina, Malinovskyi sempre presente

Malinovskyi è stato utilizzato come titolare dalla sua Nazionale ucraina in tutte e tre le partite giocate nei gironi di qualificazione per la Coppa del Mondo di Qatar del 2022. Contro la Francia era schierato come attaccante, mentre con la Finlandia ed il Kazakistan ha giocato dietro le punte.


Leggi anche:

È stato uno dei giocatori che in assoluto ha creato di più in assoluto in termini di occasioni, sia come finalizzatore che come assist-man. Forse Gasperini voleva esaltare proprio questo dettaglio quando ha commentato che Malinovskyi ha giocato benissimo con la Nazionale ucraina, che si trova al secondo posto dopo la Francia nel Gruppo D.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Marten de Roon (@martenderoon15)

Atalanta-Udinese: l’assist-man è Malinovskyi

Nella gara con l’Udinese del 3 aprile, Malinovskyi è stato schierato nel suo classico ruolo di trequartista, sul modulo 4-2-3-1. Anche qui, insieme a Muriel è stato uno dei giocatori che hanno creato più occasioni. Non a caso, l’assist del secondo gol di Muriel e quello della vittoria 3-2 di Zapata sono nati proprio dal suo piede.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here