Monza, il sogno Serie A è ancora vivo: ora lo sprint finale

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:46
0

La vittoria del Monza a Salerno ha riaperto la corsa al secondo posto: i biancorossi si preparano alle ultime partite decisive.

Monza
Davide Frattesi esulta dopo un gol [credit: profilo Twitter ufficiale della società]
In un pomeriggio può cambiare tutto, o quasi. Dalle 14:00 alle 16:00 di ieri, la classifica di Serie B è stata molto liquida, con sorpassi e controsorpassi degni di una gara di Formula 1. Sono stati due i campi sotto la lente d’ingrandimento: l’Arechi di Salerno ed il Via del Mare di Lecce. Tre, invece, sono le squadre che hanno in mente lo stesso obiettivo: Lecce, Salernitana e Monza. Di queste solo una ha potuto esultare: i biancorossi hanno riacceso la corsa al secondo posto con una vittoria bella, sofferta e fortemente voluta. Ecco come è andato il pomeriggio di queste squadre.

LEGGI ANCHE -> L’Inter espugna Crotone e si prepara alla festa. Calabresi in B

Lecce, Salernitana e Monza: pomeriggio di fuoco

Di fatto in quelle due ore tra le 14:00 e le 16:00 è successo tutto, ma non è cambiato nulla. Se è vero che ora il Monza è rientrato prepotentemente in corsa per la promozione diretta in Serie A, è altrettanto vero che la classifica non ha subito delle modifiche a livello di posizioni. Eppure i biancorossi possono essere comunque felici, perché le rivali hanno raccolto 0 punti, mentre la squadra di Brocchi è tornata a casa con i 3 punti in tasca e molte certezze in più.

Lecce, stop pericoloso

A fare rumore è sicuramente la sconfitta del Lecce. Di fatto, se la squadra di Corini avesse battuto il Cittadella, avrebbe messo una serie ipoteca sul secondo posto in classifica. Inutile il momentaneo pareggio di Coda, i ragazzi di Venturato hanno messo KO i giallorossi con due colpi da pugile esperto che sfianca l’avversario sferrando il colpo decisivo, quello che più fa male, al momento giusto. Così è stato: Rosafio e Proia hanno concluso il lavoro iniziato da D’Urso nel primo tempo. Per i padroni di casa è stata una grande occasione sfumata, sia perché avrebbero assicurato il secondo posto, sia perché l’Empoli ha perso: una vittoria avrebbe potuto riaprire clamorosamente il discorso legato al primo posto con lo scontro diretto ancora da giocare all’ultima giornata. Ma ora arriva il difficile: martedì pomeriggio si va a Monza. E i biancorossi hanno fame.

LEGGI ANCHE -> Lecce-Cittadella 1-3: cronaca, tabellino e classifica

La Salernitana crolla, il Monza è vivo

Si sono guardate negli occhi, si sono studiate e poi si sono colpite in un battito di ciglia, ma alla fine solo una ha vinto. La partita tra Salernitana e Monza ha fatto da contenitore a più partite: la pressione era tanta e si percepiva. Sbagliare, soprattutto per i biancorossi, sarebbe stata una condanna definitiva. Ecco perché il primo tempo è stato molto bloccato, avaro di spunti. Ma poi è iniziato il secondo tempo e con lui una partita diversa. Il solito Frattesi ha stappato il match grazie al suo ottavo gol stagionale, ma Gondo ha pareggiato immediatamente con un bellissimo tocco sotto. Tensione sempre più crescente, fino a quando Brocchi si è girato verso la panchina e ha detto: “Mario scaldati, ora entri”. L’ingresso di Balotelli ha spaccato la partita: a circa 40 secondi dal suo ingresso in campo ha firmato il gol del sorpasso, prima di sferrare il colpo decisivo al 92esimo in collaborazione con un tarantolato Marco D’Alessandro. E dalle 16:00 la classifica recita così: Lecce 61, Salernitana 60, Monza 58. Prossimo appuntamento: Monza-Lecce, martedì, ore 14:00.

LEGGI ANCHE -> Salernitana-Monza 1-3, la decide Balotelli: cronaca, tabellino e classifica

Monza, tre finali per sognare (e sperare)

Il finale di ieri pomeriggio è stato degno del miglior romanzo. Ci sono stati il colpo di scena (la sconfitta del Lecce) e l’impresa dell’eroe che sembrava in procinto di cadere (la vittoria del Monza). Ma non è finita qui: martedì il Monza affronterà il Lecce nelle migliori condizioni possibili potendo incidere maggiormente sul proprio destino. Brocchi avrà di nuovo a disposizione il gruppo di giocatori che lunedì si è recato al casinò di Lugano e potrà anche contare su una variante tattica che ha dato buone risposte. L’inedito 3-5-2 messo in mostra a Salerno ha convinto, ma più probabilmente potrebbe essere rispolverato a gara in corso: più affidabile il collaudatissimo 4-3-3. Si candida per una maglia da titolare il match winner di ieri: Balotelli potrebbe giocare al posto di Diaw, anche ieri a secco e troppo impreciso, ma le condizioni fisiche del 45 biancorosso non sono eccellenti, come ha dichiarato Brocchi.

È chiaro che per poter raggiungere il secondo posto dovrebbero essere necessarie tre vittorie contro Lecce, Cosenza e Brescia, sapendo anche che potrebbero non bastare. Infatti 9 punti garantirebbero il sorpasso sul Lecce, ma la Salernitana ha ancora in mano le proprie sorti. La squadra di Castori dovrà affrontare Pordenone, Empoli e Pescara. In caso di bottino pieno, i granata avrebbero un vantaggio sui biancorossi (che andrebbero ai playoff).

Si prospetta dunque un finale di stagione infuocato con una corsa a tre entusiasmante. E il Monza, che sembrava praticamente fuori dai giochi, è più vivo che mai.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here