Empoli, Dionisi: “Pordenone ha identità precisa. Cerchiamo continuità”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:53
0

L’Empoli affronta il Pordenone nel turno infrasettimanale valido per la 29a giornata di Serie B. Gli azzurri sono reduci dalla vittoria contro il Vicenza e vogliono dare continuità al risultato positivo. Il tecnico Alessio Dionisi ne ha parlato in conferenza stampa alla vigilia.

dionisi
Alessio Dionisi, allenatore dell’Empoli (Photo/Getty Images)

La corsa verso la promozione in massima categoria dell’Empoli prosegue. Gli azzurri sono reduci dalla vittoria contro il Vicenza, che li ha portati a quota 53 e — in virtù del ko del Monza in casa della Reggina — ad allungare il gap sulla seconda, adesso a sei punti di distanza. Adesso, tuttavia, la squadra di Alessio Dionisi avrà il compito di dare continuità alla striscia di risultati positivi, a partire dal turno infrasettimanale valido per la ventinovesima giornata del campionato di Serie B. Tra le mura amiche dello Stadio Carlo Castellani si troveranno di fronte al Pordenone, che non vince da ben sei turni.

Dionisi alla vigilia

Alessio Dionisi, intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match casalingo, ha parlato dell’importanza del turno infrasettimanale: “È un bene tornare subito in campo perché abbiamo voglia di continuare a dimostrare sul campo. Il Pordenone è una squadra fastidiosa, che aggredisce, che l’anno scorso ha fatto benissimo. Può non venire da un trend positivo ma non guardo questo perché sono convinto che si rialzeranno, speriamo non domani. Conosco il loro valore, li ho affrontati spesso negli ultimi anni e mi hanno fanno sempre soffrire. Il Pordenone è la stessa squadra da tre anni, pur cambiando gli interpreti e nonostante qualche defezione, ha un’identità precisa. È una squadra che ti mette in difficoltà, che crea occasioni. Non lasciano giocare, aggrediscono, ripartono velocemente, oltre che esser bravi sulle situazioni da fermo. Ci attende una gara difficile, come tutte quelle che abbiamo affrontato e che andremo ad affrontare. Dovremo esser bravi a non subire tutto ciò se vogliamo ottenere un risultato positivo. Da parte nostra di motivazioni ne abbiamo tante per far bene e dovremo esser bravi a dimostrarlo domani“.

E sulla formazione: “Domani giocherà chi sta bene. Chi ha giocato sta bene, chi non ha giocato altrettanto e domattina valuteremo chi merita di andare in campo, tenendo conto che la formazione non è solo in funzione di chi inizia ma anche degli eventuali cambi e della gara che può nascere. Non ci sarà un turnover. Non mi piace chiamarlo così perché chi gioca lo farà per merito e non per far rifiatare altri. Bandinelli sta meglio, è convocato anche se con la squadra ha fatto solo oggi il primo allenamento dall’inizio alla fine”.

Leggi anche -> FIGC, l’allarme di Gravina: “Persi 200 mila giovani. Mancini? Suo progetto utile”

Empoli alla ricerca di continuità

La speranza dell’Empoli è di dare seguito ai tre punti ottenuti nello scorso turno: “Non so — ha aggiunto Dionisi se la vittoria con il Vicenza sarà un punto di svolta. Lo potremo dire col tempo per capire se abbiamo acquisito nuove sicurezze e saremo bravi a riportarle nelle prossime gare. Credo che le partite abbiano un inizio e una fine e all’interno ci siano situazioni che possono cambiarle. Noi non dobbiamo subire queste situazioni, ci alleniamo per questo e le affrontiamo col giusto spirito. Sofferenza c’è e ci sarò in tutte le gare, ogni squadra crea situazioni di pericolo e dovremo abituarci a questo, ribattendo colpo su colpo. Domani il Pordenone avrà le sue occasioni, farà di tutto per metterci in difficoltà e noi dovremo esser bravi a crearne altrettante. Dovremo essere bravi a sbagliare il meno possibile e allo stesso tempo mettere i nostri giocatori offensivi nelle condizioni migliori per essere pericolosi. Adesso la cosa più importante è dare continuità, se questo vuol dire vittoria ancora meglio“.

Leggi anche -> Empoli, Bajrami: “Non mi accontento della A, voglio i Mondiali con l’Albania”

Per agli azzurri adesso è impossibile guardare la classifica e sognare la massima categoria: “La Serie B è un campionato equilibrato. Dobbiamo pensare una gara per volta, sappiamo che in casa alcune volte non ci siamo espressi al meglio anche per merito dell’avversario. Domani sarà difficile, il Pordenone vorrà fare la sua gara e non verrà qua per far la vittima sacrificale. Dobbiamo conquistare la vittoria sul campo ed essere bravi a superar le difficoltà ce si presenteranno. Avvertiamo grandi stimoli, i giovani hanno ambizione e lo stanno dimostrando. Teniamo conto che mancano ancora tante partite e noi dobbiamo solo continuare a pensare gara dopo gara cercando ogni volta di ottenere un risultato positivo. La classifica si può anche guardare, ma è ancora troppo presto per far calcoli o analisi perché ogni gara è da sudare e ogni settimana le cose cambiano. Noi non dobbiamo pensare a due gare casalinghe consecutive ma solo alla gara di domani, pensare a dar il massimo per ottenere un risultato positivo. Non è scontato e non è facile, dovremo essere bravi, vogliosi e determinati per prender quello che vogliamo“.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here